Rangers Rugby Vicenza

Under18: Rangers da applausi, in finale per l’Elite

Valerio Foroncelli

Vicenza e Mirano si scontrano per la quarta volta in stagione, ed il valore della partita di oggi è assolutamente il più importante, i nostri ragazzi dopo la splendida vittoria ottenuta domenica scorsa 27-8 devono tener testa ad un sicuro ritorno dei padroni di casa, che si giocheranno le ultime chance per accedere alla finale.

La pioggia di questi ultimi ci fa trovare un campo al limite della praticabilità, ma la concomitanza di altri eventi ci obbliga a giocare ugualmente nel fango di Mirano. I ragazzi sono carichi e concentrati, non sono per niente intimoriti di affrontare il Mirano con campo e tempo particolarmente avversi. Prime fasi ovviamente a favore dei Veneziani, con attacchi da tutti i fronti nei quali cercano la meta che potrebbe dargli la speranza di rimettersi in gioco. Vicenza non molla di un centimetro, difesa sempre ben ordinata che si fa trovare sempre pronta, mentre sulle proposizioni in avanti si fatica per merito della buona difesa del Mirano.
Al 12’ con una bella ruck nata da rimessa laterale a 10 metri, il Mirano segna la meta della speranza, il piazzato non centra i pali e punteggio che si porta sul 5-0. La pioggia aumenta di intensità, così come il Mirano che ora chiaramente prende fiducia e intensifica i suoi attacchi ben contrastati dai nostri ragazzi che non disdegnano ora qualche ripartenza in avanti. Ci portano a ridosso della linea di meta ma per qualche imprecisione non riusciamo a muovere il punteggio. Il gioco in questa prima parte di gara è molto intenso da entrambe le parti, bello duro ma sempre corretto, con il vantaggio dei padroni di casa dettato più dalla fisicità che dal gioco. La prima frazione si chiude così con il vantaggio dei padroni di casa 5-0 ma Vicenza sempre in partita ben determinato e concentrato.

Dopo appena 2’ della ripresa, il Mirano aumenta il vantaggio con un’altra meta, anche questa senza trasformazione. Il punteggio si porta sul 10-0. Punteggio a favore dei padroni di casa, ma il gioco invece è dei biancorossi, che però non riescono a segnare i punti della tranquillità. Sembra che le nostre iniziative in attacco, senza il supporto dei punti, possano terminare, ma i nostri ragazzi ci sorprendo e con belle fasi di gioco costringono Mirano al fallo. Calcio di punizione per Vicenza al 4’ e punteggio che si muove anche per i biancorossi. Abbiamo sbloccato il punteggio e da ora in poi le azioni pericolose le facciamo noi. I loro attacchi vengono chiusi e le nostre ripartenze si fanno sempre più convincenti. Al 24’ arriva la meta della Rangers, sfiorata più volte nei minuti precedenti, ma ora è realtà. Il piazzato non va a segno, colpendo la traversa, ma saliamo sul 10-8. Il Mirano non molla ma accusa il colpo. Da parte nostra, con qualche cambio, diamo freschezza alla squadra ma il livello rimane sempre alto, buonissimo infatti l’apporto di tutti e 22 i nostri giocatori, che stanno portando il Rugby Vicenza verso un risultato prestigioso. Il tempo passa, affiora la stanchezza di una partita giocata al 100%  da entrambe le parti. Nonostante la poca lucidità, c’è ancora la forza e la voglia di non mollare. Allo scadere dell’incontro arriva la terza meta del Mirano che sancisce il punteggio finale di 15-8 e poco dopo il tanto sospirato triplice fischio del direttore di gara che mette fine ad una splendida partita tra due squadre assolutamente protagoniste di questo girone.

Grazie ai punti bonus (offensivo nella sfida di andata e difensivo nella gara di ritorno), la Rangers Rugby Vicenza si qualifica per la finale della Fase Interregionale per la conquista di un posto nel girone Elite Veneto, il girone di categoria più importante d’Italia. Il cerchio tra le due formazioni a centrocampo mette fine alle ostilità e da il via ai festeggiamenti vicentini. Tutta la squadra saluta il pubblico amico e non con una scivolata dove non si capisce dove inizia l’acqua e finisce il fango. La felicità è alle stelle, i ragazzi rincorrono il loro tecnico abbracciandolo per poi applicargli dosi massicce di fango termale.

Nello spogliatoio i ringraziamenti alla squadra fatti prima dal Vicepresidente Leopoldo Carta ed a seguire dal DT Coppo e l’allenatore Bogio fanno capire ai ragazzi la portata dell’impresa, fatta di fatica e sacrificio. Infine i ringraziamenti di Capitan Piantella. La partita precedente giocata in maniera eccellente poteva far presagire un passaggio del turno facilitato, ma i risultati bisogna meritarseli ed oggi i ragazzi la finale se la sono meritata in tutto e per tutto, giocando alla grande su uno dei campi più difficili contro un avversario che fino alla fine ha cercato di ribaltare il risultato. La finale del 2 giugno con la Franchigia Polesine sul neutro di San Donà sarà un’altra battaglia, mancano due settimane dove avremo il tempo per prepararci ad affrontare l’avversario nel migliore dei modi. Ragazzi, guardatevi e pensate a quello che avete fatto e a quello che potete fare.

Un ringraziamento speciale ai tanti genitori presenti, il loro fondamentale supporto si è fatto sentire ed un ringraziamento anche ai ragazzi non convocati ma che sicuramente erano presenti con il loro pensiero, oggi avete vinto anche voi.

Rangers Rugby Vicenza: Enogheghase, Oliva Medin, Menon, Zampieri, Fassina, Alì, Tonello, Piantella, Accursio, Pegoraro, Foroncelli, Crestani, Stella, Zimello, Meneghello. A disposizione: Gonella, Salvò, Bruttomesso, Valle, Flaugnatti, Lovato, Ceccato.
Tecnici: Coppo, Del Bubba.
Dirigenti: Trentin, Bruttomesso, Flaugnatti.
Foto: Foroncelli.

Luciano Flaugnatti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: