Rangers Rugby Vicenza

Under18: Rangers ad un passo dall’impresa, in Elite ci va Polesine

Luciano Flaugnatti

Dopo la semifinale con Mirano vinta grazie a due splendide prestazioni, l’Under18 della Rangers Rugby Vicenza approda in finale con la Franchigia Polesine Rugby. Una formazione che ha dominato il campionato meritocratico, senza mai subire sconfitta, perdendo solo nella sua semifinale con un coriaceo e sorprendente Montebelluna. Vicenza può comunque già ritenersi orgogliosa per essere arrivata alla finale come Società e non come Franchigia.

Giornata di sole, campo in buone condizioni con molto pubblico sugli spalti del “Pacifici” di San Donà e un super supporto Vicentino fatto dalle famiglie dei giocatori, di tanti ex Under18 ora in prima squadra o nella Serie C, addirittura alcuni Under16 e tanti tanti amici di questa squadra che durante l’anno ha saputo con gradualità migliorarsi per arrivare alle fasi finali nel migliore dei modi.

Alle 19:00 è tutto pronto e la partita prende il via. Polesine fin da subito fa valere la sua fisicità di almeno quattro elementi, spingendo Vicenza nella sua metà campo. I biancorossi contrastano con efficacia questi attacchi, riuscendo ad alzare il baricentro del gioco e proponendosi poi nella loro metà campo, ma si arrivia nei 22 metri avversari con fatica. Si sapeva che l’inizio gara era una fase nella quale il Polesine poteva fare differenza, soprattutto fisica, la concentrazione dei nostri ragazzi deve essere sempre altissima per riuscire a contrastarli. Al 9′ minuto infatti il Polesine segna la sua prima meta. Sugli sviluppi di una touche, palla calciata sulla fascia sinistra dove i polesani trovano campo aperto per schiacciare la palla in meta. La conversione ha successo e così siamo sul 7-0. Il Polesine a questo punto insiste con i suoi attacchi, da parte nostra tentiamo fasi in avanti ma veniamo ben contrastati. Le sortite in attacco prendono spunto da qualche buona touche, ma per alcune imprecisioni non riusciamo a girare la partita a nostro favore. E così al 23′ il Polesine mette a segno la seconda meta, sempre con conversione, portando il risultato sul 14-0. Sembra che la bilancia ora penda tutta da parte loro e invece con una bella reazione Vicenza torna con prepotenza in partita sfruttando da prima una punizione al 26′ per il 14-3. Dopo appena 1′ con un’altra punizione avremmo la possibilità di accorciare nuovamente il punteggio ma il calcio esce di poco e il risultato rimane invariato. Non è finita, i Rangers hanno preso entusiasmo e convinzione dopo altri 2′ al 29′ arriva la prima meta vicentina con Accursio, con una bella penetrazione dentro la loro difesa. Purtroppo la conversione non entra tra i pali e il risultato si ferma sul 14-8. Ci avviciniamo alla fine della prima fase di gara rientrando con merito in partita. Al termine di un recupero lunghissimo (circa 4′) un’errata valutazione tra ala ed estremo biancorosso concede palla e campo ad un avversario che va a segnare la terza meta, questa volta senza addizionale, mandando le squadre al riposo sul 19-8.

Partita dura ma di alto livello, alcuni accorgimenti dei tecnici, un primo cambio con Flaugnatti per Zimello e dentro di nuovo per il secondo tempo.
La storia non cambia, come nel finale del primo tempo, la partita la fanno i Rangers. Polesine risente più di noi della fatica del primo tempo e i nostri ragazzi avvertono la possibilità di rientrare in gioco. Dopo fasi in attacco provati ma senza successo, torniamo in meta al 13′ con Capitan Piantella che grazie ad uno sfondamento poderoso sul nostro lato sinistro, va a schiacciare in bandierina. Anche in questo caso la conversione non ha successo, ma ricuciamo 19-13. Partita sempre giocata bene dai nostri ragazzi, il Polesine si vede poco, i loro pezzi pregiati accusano la fatica ed entrano di rado nei nostri 22 metri, ma i biancorossi difendono con ordine. Al 22′ altra bella azione targata Vicenza, prima dalla nostra sinistra poi palla a scalare verso centro Franchetti che prende palla ed in offload riesce a dare palla a Fassina che vola per gli ultimi venti metri per la terza meta. La conversione ancora di poco non centra i pali ma siamo 19-18. Partita ancora apertissima. Forze fresche in campo per il finale, con Alì per Zampieri poi Crestani per Gonella per cercare di ribaltare la partita. L’impegno da parte nostra ora è nella sua fase più alta, il Polesine pur cambiando alcuni uomini accusa la fatica, da un momento all’altro potrebbe arrivare la svolta all’incontro, ma un nostra incertezza da il via ad una delle poche azioni avversarie ben strutturate della seconda frazione che non perdonano. Al 30′ infatti Polesine segna la quarta meta e relativa conversione portando il risultato sul 26-18. Mancano solo 5′ alla fine i ragazzi non mollano e cercano in tutti modi di riportarsi in partita ma tra cambi, crampi e perdita volontaria di tempo si arriva alla fine confermando la vittoria della Franchigia Polesana.

Sapevamo che era una partita difficile, non a caso la Franchigia ha dominato il campionato e si conferma squadra di alto livello, ma la Rangers era arrivata a queste fasi finali con una condizione atletica perfetta per cercare la vittoria, che solo per alcuni episodi ha preso la strada del Polesine. Partita che ci ha visto protagonisti di una buona prima parte e assolutamente dominanti in quasi tutta la seconda frazione di gioco, peccato.

Si conclude così un’altra splendida stagione, dove i tecnici sono riusciti a portare la squadra su alti livelli di gioco che solo una Franchigia di grande spessore tecnico ha saputo mettere in difficoltà. Un ringraziamento alla Società sempre vicina alla squadra, un ringraziamento speciale va a Coppo sempre presente verso la squadra con i suoi preziosissimi consigli, a Dodo Tonello che ha plasmato la squadra per intraprendere una strada di sicuro successo ed a Bogio (ndr Del Bubba) che ha proseguito con straordinaria volontà un programma condiviso portando la squadra ad essere una realtà ad un passo dalla vittoria.

Ringraziamo tutto il gruppo dei Dirigenti sempre pronti a risolvere qualsiasi richiesta o problema che durante l’anno che normalmente si vengono a creare, ai genitori sempre presenti per seguire si i loro figli, ma sopratutto per seguire una squadra, formando un gruppo eccezionale sempre pronto nel momento del bisogno.

Infine un particolare saluto ai ragazzi del 2000 quali Accursio, Zampieri, Menon, Franchetti, Flaugnatti, Salviati, ed in più Fabris, Lind, Zambonin che ci hanno accompagnato in questa splendida avventura. Per loro adesso è ora di lasciare l’Under18 per andare tra i più “grandi” anche perché alla fine “grandi” lo sono sempre stati, auguri di cuore.

Un saluto e sempre buon rugby a tutti!

Rangers Rugby Vicenza: Meneghello, Zimello, Stella, Lovato, Foroncelli, Pegoraro, Accursio, Piantella, Franchetti, Tonello, Fassina, Zampieri, Menon, Oliva Medin, Enogheghase. A disposizione: Gonella, Salvò, Alì, Bruttomesso, Valle, Flaugnatti, Crestani.
Tecnici: Coppo, Tonello, Del Bubba.
Dirigenti: Trentin, Bruttomesso, Menon, Flaugnatti.
Foto: Foroncelli – Flaugnatti

Flaugnatti Luciano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: