Rangers Rugby Vicenza

Under19: dedizione ed entusiasmo per crescere insieme

Stefano Novello

La formazione dell’Under19, frutto della collaborazione tra Rangers Rugby Vicenza e Rugby Alto Vicentino, rientra nel progetto della Franchigia Vicenza. Dopo le prime due giornate della fase qualificazione, approfondiamo gli obiettivi di questa categoria giovanile fondamentale per lo sviluppo del rugby vicentino

Le società Rugby Alto Vicentino e Rangers Rugby Vicenza a partire dalla stagione 2021-2022 hanno dato il via ad un progetto di lungo respiro che prevede, attraverso il sistema della franchigia, la creazione di un polo di eccellenza per lo sviluppo del rugby giovanile sul territorio. In questa prima fase c’è la necessità di costruire una struttura di lavoro che si sviluppi nel tempo, raccogliendo il meglio del settore giovanile. Questa fascia d’età è stata una delle più colpite dall’abbandono sportivo e l’unione delle forze segna la volontà delle Società di non lasciare indietro nessuno.

Lo Staff Under19 sta seguendo con dedizione ed entusiasmo il progetto Franchigia ed è composto dall’allenatore Pino Leo, gli assistenti Christian Nichols e Paul Stanica ed il preparatore atletico Francesco Trapani.

Coach Leo commenta così le prime settimane di attività: “Il nostro primo passo è stato quello di creare un ambiente di lavoro stimolante per i ragazzi dell’Under19 anche attraverso il riammordernamento di uno dei loro ritrovi principi: lo spogliatoio. Tutti insieme in una bella domenica di settembre abbiamo “ricreato” la nostra casa dipingendo le pareti con i colori dei sociali dei 2 club. I ragazzi, le famiglie e i dirigenti hanno apprezzato il nostro lavoro e hanno stimolato ulteriori iniziative che seguiranno nei prossimi mesi.”

Per quanto riguarda l’attività sportiva, il Comitato Veneto ha rimodulato la formula per far fronte alle numerose defezioni a causa della situazione pandemica. “Siamo in un girone “infernale” in compagnia di Verona Rugby e Benetton Rugby, due delle formazioni più competitive d’Italia. Inizialmente doveva esserci anche la formazione del Riviera, ma successivamente si è ritirata, lasciando il girone a tre squadre” – prosegue Coach Leo – “I ragazzi in queste due domeniche hanno affrontato dapprima sul campo dello Stadio Gobbato la formazione antracite del Verona Rugby, poi alla Ghirada si sono misurati con il Benetton Rugby.”

Dopo circa un anno di stop forzato i nostri ragazzi hanno affrontato i loro pari età comportandosi splendidamente sia dal punto di vista caratteriale che sportivo. Pur avendo perso entrambe le gare sul campo, i nostri ragazzi sono usciti sempre a testa alta, tra gli applausi del pubblico, per l’impegno profuso in campo.

“Sono state due partite difficili per i nostri ragazzi, errori e ingenuità difensive hanno dato la vittoria alle più esperte formazioni avversarie, ma l’entusiasmo c’è e rimane. Il nostro è uno sport duro ma ciò che lo rende meraviglioso è la capacità di accettare il verdetto sul campo, rimboccarsi le maniche e ripartire alla grande: domani è un altro giorno!” – conclude Coach Leo – “Desidero ringraziare i ragazzi, le famiglie, lo staff e le dirigenze di Vicenza e RAV per il sostegno dato a questi ragazzi ed a questo nuovo progetto.”

Dopo le prime due giornate del girone di qualificazione, per i giovani vicentini ci saranno due settimane di pausa per ricaricare le batterie in vista delle sfide del ritorno: prima la trasferta a Verona e poi la Benetton al Gobbato. Ultimata questa fase, gli incroci previsti dal programma del Comitato Veneto con le altre formazioni di pari livello in ambito regionale, porteranno sicuramente alla Franchigia Vicenza, la possibilità di trovare quelle soddisfazioni che solo il campo sa dare, a giusta ricompensa dell’impegno profuso da tempo.

Sosteniamo ancora la nostra Under19, Forza Rugby!