Rangers Rugby Vicenza

Under14: tris di successi per i giovani biancorossi

L’Under14 della Rangers Rugby Vicenza trova la terza affermazione consecutiva, in trasferta, affrontando un Club di grande tradizione quale è Mirano. Ecco la cronaca di Cleto Meneghello.

Sabato scorso l’Under14 è stata ospite del Mirano, squadra temibile, che all’andata era stata inclemente nei nostri confronti dandoci una bella lezione di buon rugby. I nostri ragazzi erano tesi e timorosi tanto che fra loro nelle chat dedicate avevano espresso preoccupazione per i risultati recenti dei nostri avversari. Anche i vicentini però venivano da una serie di bei successi, espressione di una notevole crescita tecnica e di una maggior consapevolezza del proprio valore.

Il Mirano si è presentato in campo con un numero elevatissimo di giocatori tanto che ha deciso di giocare i due tempi della partita con le due annate distinte, iniziando dai più giovani. I nostri giocatori avevano istruzioni precise: in difesa compatti e aggressivi, in attacco dovevano essere capaci di leggere le occasioni e le debolezze dell’avversario. E così è stato. Gli spazi al largo erano abbondanti e le nostre velocissime ali hanno avuto la possibilità di segnare subito. Quando gli avversari si allargavano per coprire il campo per paura delle incursioni all’ala i nostri erano abili a trovare gli spazi per attaccare e segnare ancora. Il Mirano, forse spaventato da un Vicenza diverso e particolarmente veloce, non è stato in grado di reagire ritrovando solo verso il finale del primo tempo la via della meta con una splendida azione corale.

Nel secondo tempo, la maggior esperienza e fisicità dei nuovi entrati miranesi hanno permesso alla squadra locale di cambiare il tono della partita con gioco più duro e organizzato. L’inizio del secondo tempo ha visto i vicentini in difficoltà fino a che non hanno saputo brillantemente reagire e rispondere colpo su colpo alle belle azioni del Mirano. Le nostre frecce accompagnate da una mischia ben disposta alla lotta hanno permesso ai vicentini di mantenere le distanze, non consentendo un recupero del punteggio.

Il risultato finale di 62 a 17 non è comunque sincero nei confronti di un avversario tecnico e capace di organizzare un rugby maturo forse sorpreso di un Vicenza evoluto e particolarmente votato all’attacco. Bella la festa sugli spalti e ospitalità superlativa con un terzo tempo degno di una grande società!

Non finisce qui, sabato 26 gennaio a Monselice un’altra grande occasione per i nostri ragazzi di mettere in campo quanto di buono stanno imparando.

Cleto Meneghello

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: