SEGUICI SUI SOCIAL

Rangers sconfitti all’ultimo dal Capoterra

Nella seconda gara di campionato i Rangers perdono per 29-27 contro il Capoterra. Una sconfitta che ai biancorossi lascia l’amaro in bocca per almeno due motivi. Il primo: il game over è arrivato a tempo ormai scaduto, per la meta trasformata di Anversa giunta quando i ragazzi di Rampazzo e Serventi erano avanti di cinque punti. Il secondo: come si dice in questi casi, a perdere la partita sono stati i biancorossi non i sardi a vincerla. O meglio: la formazione guidata da Queirolo è stata più brava a sfruttare le occasioni concesse dai padroni di casa e a gestire più lucidamente alcune fasi cruciali di gioco. Il Vicenza, dalla sua, non è riuscito a chiudere i conti quando avrebbe potuto serenamente chiuderli. In virtù del risultato, quindi, il First XV berico perde l’imbattibilità casalinga custodita gelosamente nella scorsa stagione. Veniamo all’incontro, equilibrato ed intenso per tutti gli ottanta minuti: al 12′ il Capoterra si porta in vantaggio con il piazzato di Anversa, giocatore che si rivelerà il protagonista della giornata. Al 19′ i Rangers trovano la loro prima meta con Iotti che sfonda sulla destra la retroguardia avversaria per depositare l’ovale oltre la fatidica linea. Gli ospiti non accusano il colpo e al 25′ si riportano in vantaggio con il calcio di Anversa. I biancorossi non ci stanno e un minuto più tardi ottengono tre punti con il piazzato di Strumpher che si ripete al 34′. Poco dopo, Anversa dice ancora la propria dalla piazzola, seguito a ruota da Strumpher. Al 39′ i sardi vanno in meta per la prima volta con Bousmina, che deposita l’ovale sulla corsia sinistra. Anversa non sbaglia la trasformazione. Sul 16-14 per il First XV di Queirolo l’arbitro concede la pausa. Nella ripresa, dopo i colpi dei soliti piazzatori Anversa e Strumpher, il Vicenza trova la seconda meta con Santinello, che si invola rapido sulla destra. Strumpher dalla piazzola c’è. Dopo altri due calci piazzati, con i biancorossi avanti, la gara vede l’episodio clou allo scadere, quando Anversa infila la meta ribalta risultato che vale la vittoria al Capoterra. Domenica i Rangers andranno a caccia del riscatto in Abruzzo contro il Gran Sasso.

IMG_0846

Dopogara. Al termine della gara il rammarico per come sono andate le cose è percepibile nella voce del direttore tecnico dei Rangers, Fabio Coppo, che afferma: “Potevamo chiudere la partita ma non siamo riusciti a farlo quando avremmo potuto. E’ stata una gara difficile”. “Dobbiamo crescere in tutti i reparti – prosegue Coppo – sia in difesa che in attacco e dare più continuità al gioco. Dobbiamo gestire meglio alcune situazioni per affrontarle in modo più lucido”. “Adesso andremo a Gran Sasso – conclude il dirigente biancorosso – con grande voglia di riscatto e la consapevolezza di affrontare una trasferta impegnativa”.

Laconico ma diretto l’allenatore Roberto Rampazzo: “Oggi siamo stati un po’ troppo presuntuosi. Ci sono delle dinamiche da rodare. Abbiamo giocato contro una squadra esperta che nei momenti cruciali dell’incontro è stata più brava di noi. Dobbiamo migliorare”.

Serie A, girone 2. Risultati secondo turno:

Rangers Vicenza – Capoterra 27 – 29 Prato Sesto – Cus Perugia 57 – 17 Benevento – Cus Genova 18 – 16 Zhermack Badia – Gran Sasso 19 – 27 Alghero – Cus Torino 18 – 13 Riposa: Valsugana Padova

Classifica: Gran sasso punti 10; Cus Torino 6; Valsugana, Cus Genova, Rangers Vicenza e Sesto Prato 5; Benevento e Capoterra 4; Cus Perugia, Badia e Alghero 0. ^ Amatori Rugby Alghero 4 (quattro) punti di penalizzazione per mancata partecipazione all’attività obbligatoria Under 14.

Prossimo turno (dom. 20 ottobre 2013): Capoterra – Badia; Valsugana – Alghero; Cus Perugia – Cus Torino; Cus Genova – Prato Sesto; Gran Sasso – Rangers Vicenza. Riposa: Benevento.

Alessandro Benigno – Il Giornale di Vicenza
David Cecchinato – Foto

TAG

Popolari

Merchandising

Scopri tutta la collezione ufficiale del merchandising della Rangers Rugby Vicenza

Categorie

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this