Rangers Rugby Vicenza

L’Under18 conclude il campionato con dieci vittorie nelle ultime undici gare. Grazie ragazzi

Luciano Flaugnatti

Ultima giornata di campionato per l’Under18 della Rangers Rugby Vicenza, che a Venezia affronta il recupero della partita del 4 marzo rinviata per condizioni meteo sfavorevoli. Una partita che conta per la conquista del gradino più basso del podio, conteso dai biancorossi assieme ad Udine e Mirano, impegnate nello scontro diretto. Villorba e Casale sono invece sicure del passaggio alla fase finale nelle prime due posizioni.

L’andata non fu una partita molto felice, Vicenza perse in casa dopo essere stata in vantaggio per una buona parte di gara. Quella sconfitta evidenzio le criticità su cui i tecnici hanno poi lavorato portandoci con molta pazienza e fiducia a sfiorare il podio in classifica.

Oggi è un’altra partita e sarà un’altra storia. L’avvio ci vede molto concentrati, i ragazzi vogliono far capire all’avversario la loro forza e al primo attacco vanno subito in meta, Piantella marca e Seraglio centra i pali per il 0-7. Venezia non ci sta e da calcio piazzato accorcia le distanze portandosi sul 3-7. Ma oggi, dicevamo, è un’altra partita: non abbiamo le incertezze che gli avversari ricordano e nel giro di cinque minuti Gallinaro, di nuovo Piantella e Fantin realizzano tre belle mete, che grazie alle trasformazioni portano il risultato sul 3-28. La partita oramai ha preso la strada biancorossa e gli avversari, pur cercando fasi in attacco, non riescono a impensierire i vicentini. Solo alla mezz’ora, nell’unica fase concessa, Venezia arriva alla meta tecnica: 28-10. Neanche il tempo di aggiornare il punteggio che Zambonin chiama palla per insinuarsi dentro la loro difesa e andare in meta, Seraglio oggi in formissima trova ancora i pali per il 10-35 con cui si chiude il primo tempo.

La seconda parte di gara non cambia, Vicenza non concede metri e contrasta fisicamente tutte le fasi di attacco veneziane: dopo appena due minuti Lovato, con una delle sue galoppate di almeno 40 metri, schiaccia la palla in meta, ma non è tutto: Flaugnatti, di nuovo Zambonin, ancora Zambon, Seraglio, Barbera ed infine Carta trovano ancora la marcatura chiudendo così l’incontro, sancendo quindi vittoria e bonus con il punteggio di 82-10, con sei mete in 25′ nella ripresa.

Una vittoria che, assieme alle altre nel girone di ritorno, ha fatto conoscere Vicenza, che si è trasformata strada facendo, in una credibile pretendente alle alte posizioni di classifica, sconfitta solamente in casa del Villorba capolista, giusto per capire l’impresa che i ragazzi e tutto lo staff tecnico sono riusciti a compiere.

Un campionato dalle due facce. Nella fase iniziale gli infortuni, anche molto gravi, hanno ridotto i numeri ed il tasso di esperienza della squadra, causando notevoli difficoltà nel trovare strada corretta per allenare e schierare in campo i ragazzi, mentre nella una seconda parte, grazie al rientro di tutti gli infortunati (o quasi: Diego Crestani ti stiamo aspettando, la prossima stagione arriva presto) e l’integrazione di alcuni nuovi elementi, i tecnici hanno potuto sviluppare nel miglior modo possibile il loro lavoro, portando la squadra ad un’entusiasmante risalita dall’ultimo posto al quarto posto finale, esprimendo un ottimo gioco riconosciuto da molti avversari. Un’impresa che rimarrà nella memoria di molti di noi, che l’abbiamo vissuta direttamente.

Formazione: Zambon, Zimello, Gallinaro, Lovato, Flaugnatti, Seraglio, Accursio, Zambonin, Franchetti, Boschetto, Piantella, Menon, Carta, Cavazzola, Fantin. A disposizione: Fabris, Olivamedin, Zampieri, Bruttomesso, Nikolla, Stella, Barbera.
Tecnici: Charlie Van Staden, Edoardo Tonello.
Preparatore atletico: Jacopo Forza.
Accompagnatori: Alba Trentin, Nuccia Figatti, Davide Menon, Luciano Flaugnatti.

I saluti di Luciano Flaugnatti

Anche questa esperienza sta arrivando al termine, i ringraziamenti sono sempre doverosi, soprattutto in questi frangenti e per primo sono indirizzati alle famiglie che ci hanno sempre sostenuto, soprattutto nei momenti più difficili e aiutato, sempre, nei terzi tempi e quando ne avevamo necessità. Poi a tutti gli altri, dai tecnici Edoardo Tonello, Charlie Van Staden, il DT Fabio Coppo, tutti e tre super. Persone eccezionali come Jacopo Forza un preparatore formidabile nel lavoro e nella sua voglia di fare. La Società che ci ha sempre sostenuto e aiutato, i dirigenti Alba, Nuccia e Davide collaboratori con la C maiuscola, tutti i ragazzi che anche quest’anno sono riusciti a sorprenderci. Un ringraziamento particolare a quelli che approderanno nelle categorie superiori e a cui auguriamo ogni bene: Carta, Seraglio, Gallinaro, Fantin, Zambon, bravi ragazzi che daranno grandi soddisfazioni, non solo sportive ma anche nella vita che gli aspetta. Grazie ai ragazzi arrivati quest’anno e a quelli che arriveranno. A te Davide Pelizzari un grazie dalla Under18 e un grazie ancora più grande di chi mi sono dimenticato, alla prossima!

(ndr) Un ringraziamento speciale a Luciano Flaugnatti che con competenza, caparbietà e passione, racconta ed immortala puntuale le gesta dei nostri migliori ragazzi, quelli che vestono con responsabilità e fierezza i colori biancorossi e che rappresentano al meglio il frutto dei sacrifici e dell’impegno di tutte le persone che si riconoscono nel Rugby Vicenza e nei suoi valori, Grazie Luciano, grazie ragazzi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: